Filmato e registrato il 26 Ottobre 2019 presso la sede di inSoffitta.

I Liverpool Alligator Park sono Emanuele e Francesco, chitarra e batteria. Il nome deriva da un brano di Billie Joe Armstrong con i Foxboro Hot Tubs: "Alligator", gli alligatori che sembrano quasi entità aliene, aggressive e spigolose. Si unisce Liverpool come omaggio ai Beatles e al beat inglese degli anni '60. Park infine lo si deve al primo Ep dei The White Stripes. "Il nome deve essere un contenitore di tutto ciò che ruota intorno."

Provengono entrambi da lunghi studi di musica, e a InSoffitta portano il pezzo "Punch Drunk". Da Conegliano, il progetto nasce nell'aprile 2018, e prende il via da una serie di eventi che li porta a decidere di fare un reset della loro attività musicale. Cominciano con il riascoltare la musica anni '60-'70, blues, rock'n'roll, beat. Da lì l'ispirazione per il filone Garage punk.

Lyrics

"Punch Drunk" - Liverpool Alligator Park

Stupid times, dirty night, everyone’s on the runway
Gimme that gimme more, I don’t care The world is just fucked up

Pour some wine, put it right and don’t think bout tomorrow
She’s gone and me, myself and I will have a lot to talk about, right?

Bright lights, white lines, I’m not into it
I’m lost, punch drunk, who are these peeps?
All is blur but I’d love to see
this city burning next to me

Ti è piaciuto questo video? Visita la pagina dei Liverpool Alligator Park!